Un ruzzolone dal quale ripartire

Una caduta in bici rovina i piani del ticinese Sasha Caterina in Lituania

Convocato per gli Europei Youth per rappresentare i colori rossocrociati con altri cinque giovani triathleti – Nora Gmür, Catia Schaer, Ania Weber, Manuel Dal Ben e Frederik Stal –, Sasha Caterina del TriUnion durante le semifinali ha dovuto purtroppo rinunciare alla competizione dopo una rovinosa caduta avvenuta poco dopo la transizione fra nuoto e bicicletta. La manifestazione, dopo un percorso di selezione effettuato dalle varie federazioni nazionali, prevedeva tre semifinali di 30 atleti. I primi nove si qualificavano per la finale, gli altri nove di ciascuna “semi” per la finale B. Giunto a Panavezys (Lituania) con legittime ambizioni, Sasha Caterina, inserito nella prima delle tre semifinali, è uscito al quarto rango dalla tratta a nuoto, quindi nelle primissime posizioni, a soli 10” da un primo gruppo di tre atleti ma con 20” di vantaggio da un gruppo formato da altri sei corridori.

Quarto con la staffetta

Spinto dalla voglia di fare assolutamente bene, Sasha ha subito voluto spingere sui pedali in una zona ancora delimitata da transenne, resa anche particolarmente rischiosa a causa dell’asfalto bagnato dalla pioggia delle ore precedenti. L’incidente era in agguato e alla prima curva con tanto di frenata, Sasha non ha potuto evitare il violento impatto con le transenne: bicicletta distrutta, ma per fortuna nessuna conseguenza fisica. Solo tanta delusione, e la consapevolezza di aver mancato l’opportunità di issarsi ufficialmente fra i migliori di categoria a livello europeo. Ogni gara ha la sua storia, nel bene e nel male, e porta un tassello in più alla costruzione della prestazione di ogni giovane atleta. Archiviata la delusione individuale che come conseguenze ha avuto solo alcune escoriazioni per quelli che in gergo si definiscono i “segni dell’asfalto”, Sasha è stato poi selezionato per la staffetta svizzera con Nora Gmür, Ania Weber e Manuel Dal Ben. Ottima la prestazione della selezione rossocrociata, quarta su ben ventitré nazionali al via, alle spalle solo di Gran Bretagna, rilevazione di questi Campionati, Portogallo e Francia, ma davanti a Paesi come Italia, Russia, Israele, Austria, Ungheria, Danimarca, Repubblica Ceca, Polonia, Belgio, Spagna, Svezia che hanno centrato l’obiettivo di qualificarsi fra le prime quindici. Per Sasha Caterina la stagione è ancora ricca di appuntamenti: il 6 agosto parteciperà ai Campionati svizzeri di categoria a Nyon e a due tappe della Coppa Europa Junior, a Riga il 13 agosto e a Losanna a fine agosto.

LaRegione, 20.07.17

URNER TRIATHLON

Per la prima volta, ecco che una data del circuito svizzero di  
triathlon fa tappa nel canton Uri. Per noi è un vantaggio, dato che è  
dietro l'angolo (appena oltre Gottardo), ma si sa anche che spesso,  
come appunto oggi, la meteo non è come quella del Ticino! Pioggerella  
a intermittenza, soli 13 gradi e 19 quella dell'acqua, strada bagnata.
Ma noi del TriUnion non ci siamo mica fatti impaurire! Appena giunti  
in loco e ritirato il pacco gara, i ragazzi sono partiti con la bici  
per provare il percorso e non farsi trovare impreparati!
Alle 10.45 in punto è scattata l'ora X per tutte le ragazze (Youth  
League A, Junior e PRO). Nel lago dei 4 Cantoni c'era una leggera  
corrente che ha spinto un primo gruppo verso riva facendolo correggere  
solo più tardi la mira. La prima a uscire dopo 750 m, logicamente, è  
stata la olimpionica Jolanda Annen. Le nostre 3 ragazze, però, si sono  
difese bene uscendo circa alla 15sima posizione.
Alice, in zona cambio, per sbaglio, ha fatto cadere il casco con gli  
occhiali della sua vicina. Fortunatamente li ha riposizionati al suo  
posto evitando una penalità.
Elisa è partita bene in bici attaccandosi ad un gruppo, mentre Alice e  
Michela si sono avviate più lentamente e si sono fatte risucchiare dal  
gruppo dietro.
I giri da effettuare, con cambi di direzione a 360 gradi, erano ben 3  
per un totale di 20 km. La corsa, come spesso succede, ha segnato la  
classifica finale. Alice ha corso i 5 km, suddivisi in 2 giri, in modo  
sorprendente in 18.55 minuti, terminando al 2. posto delle Junior  
finendo in 1.06.07 ora. Ottimo piazzamento... BRAVISSIMA!

 

 

Nella stessa categoria Elisa (di un anno più piccola) che ha terminato  
al 6. posto (su 14) in 1.07.36 ora. Buonissimo piazzamento.
Michela, nella Youth League, partita insieme a loro e che si è rimessa  
in gioco in una gara dopo un piccolo stop dovuto ad un dolore alle  
gambe, ha concluso al 5. posto (su 14), in 1.07.55 ora! Bentornata!!

Appena finita la loro competizione, è partita alle 12 in punto quella  
dei PRO insieme ai Junior (dei nostri c'erano Alex e Gioele) e 2  
minuti dopo quella della Youth League A (Sasha, Andrea, Fausto).
Alex e Gioele sono usciti bene dall'acqua e sono partiti convinti in  
bici, inseguiti dopo circa un minuto da Sasha (uscito primo dall'acqua  
della sua categoria).

Alex, in bici, si è trovato solo con un avversario e hanno dovuto  
tirare con lui a vicenda. Sasha, trovandosi in un gruppo che non  
andava abbastanza veloce, ha deciso di aspettare il gruppone della sua  
categoria appena dietro di lui, in modo di avere una velocità maggiore  
e in questo modo sono riusciti a recuperare Gioele e Alex. I tre del  
TriUnion si sono aiutati a vicenda, tirando il gruppo.
Andrea e Fausto sono usciti vicini dal nuoto e hanno praticamente  
fatto gara in bici insieme anche ad altri 5 avversari.


La postazione finale si è decisa durante la corsa. Sasha è partito  
insieme agli altri 2 ragazzi nei quadri nazionali, Manuel e Ludovic.  
Dopo un primo giro controllato con il gruppetto, Sasha ha deciso di  
allungare vincendo con un bel tempo di distacco tra gli altri.
Alex ha terminato la sua gara in 17sima posizione in 1.02.18 ora e il  
suo compagno di squadra Gioele in 24sima posizione in 1.07.33 ora.
Andrea ha recuperato diverse posizioni e, malgrado si sia dovuto  
fermare 20 secondi nella Penality Box, è riuscito a finire al top 10,  
2. del suo anno, in 1.03.50 ore, mentre al 13simo posto (3. del suo  
anno), Fausto in 1.05.06 ore.
Tutti soddisfatti della propria prestazione e pronti a dare ancora di  
meglio alla prossima gara, siamo tornati felici nel soleggiato Ticino,  
indifferenti ai 4 km di colonna che ci aspettavano al portale nord  
della galleria del Gottardo!
FORZA TRIUNION!

A pochi secondi dal Mondiale

Il 25° posto agli Europei avvicina il ticinese del TriUnion Sacha Caterina all’appuntamento iridato della categoria junior

Ai Campionati europei Junior di Triathlon, svoltisi a Kitzbühel, Sasha Caterina del TriUnion ha ottenuto una brillantissima prestazione tagliando il traguardo al 25esimo rango in 55’28, a soli 19 secondi dal 20esimo rango che gli avrebbe dato la certezza matematica della qualificazione ai prossimi Campionati del mondo della categoria junior. Classe 2000, Sacha ha avuto il merito e il privilegio di rappresentare i colori rossocrociati in una manifestazione rivolta ai giovani classe 1998, 1999, 2000 e 2001. Analizzando le classifiche spicca all’occhio il suo tempo che gli è valso il terzo rango fra i 2000, con i migliori protagonisti tutti racchiusi in soli 4 secondi. La sua è stata una gara non facile. Uscito dall’acqua, si è trovato nel terzo gruppo. Ha coperto la distanza dei 750 metri a nuoto in 9’46, a soli 20 secondi dai primi. Ha poi preso in mano la situazione nella frazione in bici, trascinando nella sua scia tutto il gruppo, fino a recuperare il secondo e il primo plotoncino, formando così un drappello di 40 triathleti. La sua è stata audacia pura, ma anche grande capacità di interpretare la gara. Con coraggio ha dato molto in bicicletta, sapendo che restare nelle retrovie non gli sarebbe servito a nulla. Con la consapevolezza che poi avrebbe dovuto gestire la tratta a corsa con uno sforzo maggiore rispetto a chi gli stava in scia, restando comunque in lotta per le prime posizioni. La sua strategia è stata azzeccata. È arrivato allo sprint con altri 5 o 6 concorrenti, tutti racchiusi in 20 secondi, e si è lasciato alle spalle oltre 50 avversari. Fra gli svizzeri selezionati, da annotare il 21esimo rango di Simon Westermann in 55’16, il 46esimo di Thibaud Decurnex in 57’45, e il 52esimo di Pierre Moraz in 58’39. Da segnalare la caduta in bicicletta di uno dei favoriti, Maxime Flury. Fra le donne ottima prestazione delle sorelle Weber. Jasmine ha colto la qualificazione per i Mondiali di categoria con un eloquente decimo rango. Per la sorella Anya di soli 16 anni un eccellente 18esimo rango. La staffetta composta da Anja Weber, Simon Westermann, Jasmin Weber e Sasha Caterina si è piazzata al settimo rango in 1h19’57 in una gara vinta dall’Ungheria in 1h18’31, A livello assoluto Jolanda Annen (classe 1992) si è issata al vertice della classifica Europea cogliendo un sesto rango in 1h58’47, confermando così con il suo 16esimo posto alle Olimpiadi di Rio di essere di fatto fra le migliori specialiste mondiali della disciplina. Fra gli uomini delusione per il campione europeo uscente Andrea Salvisberg che non ha saputo andare oltre il 24esimo rango.

A Zugo boe... alla deriva

Alcuni talenti emergenti del TriUnion si sono messi in evidenza a Zugo, categoria Youth League (14-15 anni). quinto posto per Nina Mros, settima Nicole Buri, nono Sebastian Knupfer. Bella prova anche di Letizia Martinelli (Studio Vezia), ottava. Sempre a Zugo, in un triathlon sulla distanza olimpica con un’organizzazione perlomeno discutibile (le boe in acqua si sono spostate di oltre 800 metri così che alcuni hanno nuotato una frazione a nuoto di 2,5 km anziché di 1,5) Alex Trabucchi (TriUnion, classe ’99) ha concluso in 2h06’30, per una manciata di secondi davanti al più esperto Bruno Invernizzi.

LaRegione, 22.06.17

Colpo doppio per Caterina

Il talento locarnese brilla a Sion e stacca il biglietto sia per l’appuntamento della categoria ‘Youth’, sia per quello ‘Juniores’

È un’impresa davvero eccellente quella di Sasha Caterina. Che a Sion, nelle selezioni svizzere per i Campionati europei delle categorie ‘Youth’ e ‘Juniores’, riesce a staccare il biglietto per entrambi gli appuntamenti. In Vallese la prova prevedeva 800 metri a nuoto in acque libere, 20 chilometri in bicicletta (su un circuito molto tecnico e chiuso al traffico), nonché 5 chilometri a corsa su un tracciato sterrato e pianeggiante. Agli Europei ‘Juniores’ del 24 giugno a Kitzbühel si sono qualificati i primi quattro piazzati nelle categorie dei nati tra il 1998 e il 1999, mentre a quelli ‘Youth’ (che si svolgeranno in Lituania a luglio) i primi tre classificati dei nati nel 2000 e 2001. E Caterina – classe duemila – ha vinto la competizione riservata ai sedici-diciassettenni, classificandosi poi al terzo posto tra i diciotto-diciannovenni. Una gara praticamente perfetta la sua, frutto di un grande equilibrio nelle tre discipline, per un atleta capace di uscire fra i primi nella frazione a nuoto, così da essere subito proiettato alla testa della corsa per la parte in bici. Non solo: Sasha è poi riuscito a imporre ritmi elevati nel tratto in bicicletta, affrontando quindi la corsa con determinazione e senza cedimenti. Dimostrando, insomma, di disporre degli ingredienti necessari per essere competitivi e ai vertici, in una disciplina che non consente di aver alcun punto debole. Senza dimenticare che, alla base dello sport di ‘performance’ c’è un grande spirito di sacrificio, che per Sasha Caterina, ragazzo al secondo anno dell’apprendistato per diventare muratore, si traduce in venti ore di allenamenti settimanali. Il vantaggio per il talento locarnese è che può contare sul sostegno di un’ottima struttura come quella del TriUnion (con allenatori qualificati quali Ettore Grimaldi, Leila Mros Bigolin ma anche la sua stessa madre, Laura Caterina), così come la collaborazione con l’Us Ascona e il pieno appoggio del suo datore di lavoro (e, non da ultimo, il sostegno della sua famiglia). Un connubio importante, che permette a Sasha di prepararsi al meglio e con serenità.

All’appuntamento in Vallese erano presenti altri ticinesi, che hanno ottenuto risultati di spicco come quello di Rachele Botti (AClub Swimming Team), quarta nella categoria ‘Youth’, oppure quello di Elisa Cattaneo (TriUnion) sesta nella categoria Juniores. Ma si sono distinti per determinazione e impegno pure altri atleti del TriUnion: Andrea Alagona e Fausto Puttini si sono piazzati al dodicesimo e al diciannovesimo posto nella categoria ‘Youth’, mentre tra gli juniores Alex Trabucchi ha festeggiato il sedicesimo rango in una gara sempre all’attacco, con Gioele Cereghetti che nella stessa categoria ha ritrovato il piacere di gareggiare dopo l’assenza forzata di un’intera stagione, chiudendo con un significativo ventesimo posto.

A Basilea, intanto, in occasione dell’Aquathlon che apre la stagione della Youth League B (2002 e 2003), sono arrivati importanti piazzamenti da parte di esponenti del TriUnion. In particolare quelli collezionati da Sebastian Knupfer (ottavo), Nina Mros (nona), Nicole Buri (decima), Nicolas Tamburini (tredicesimo), Cristina Bortolotti (diciassettesima) e Malachia Demarchi (diciottesimo), a cui si aggiunge l’11° rango di Letizia Martinelli del Vezia Triathlon Team.

LaRegione, 07.06.17

Salva

AQUATHLON DI TESSERETE

In una splendida e calda giornata di fine primavera, nella stupenda zona della piscina di Tesserete, si è svolto il rituale Aquathlon, organizzato dalla società di triathlon della regione Team Triathlon Capriasca. Quest'anno, per di più, si è raggiunto anche il record degli iscritti: ben oltre 120 atleti. La prima parte della giornata è stata dedicata alle gare della Regio Cup, che ha visto coinvolte altre squadre provenienti dalla Svizzera Interna (Wallisellen, Impuls, Calanda, Meilen). I ragazzi, 10-11 anni e 12-13 anni, dovevano svolgere degli esercizi in acqua (in 150 m dovevano passare attraverso un cerchio, nuotare a SL, gambe a dorso, dorso completo e gambe con la tavoletta con la testa prima sopra e poi sott'acqua), per poi proseguire con degli esercizi a corsa (salto della corda, balzi sulla scaletta, ostacoli, passare sotto a un ostacolo, camminata del gambero, slalom e sprint finale). Dopo di questo si passava al team Challange, dove a squadre di tre atleti si doveva nuotare 100 m e percorrere a corsa 800 m. La squadra del TriUnion, 10-11 anni, più veloce, è arrivata 4. (su 9 team) ed era composta da Giorgia (giunta 6. negli esercizi), Martina (ancora 4. come prima) e Noemi (7. in solitaria), mentre 7. sono arrivati Lorenzo (5. da solo), Marco (11. su 20 nel percorso precedente ed Elia( 13. rango negli esercizi).

Nelle squadre 12-13 anni, invece, sono riusciti a salire sul podio, la squadra del TriUnion formata da Lucio (2. nel singolo), Giacomo (7.) e Tristan (8.). Per loro un brillante argento a solo 1,8 secondi dal primo team. 8. sono giunti Luciano (13.), Mirco (17. negli esercizi) e un ragazzo del Wallisellen. Allo stato attuale, dopo 3 gare di REGIO, abbiamo qualificato per le finali a livello individuale: Lucio, Martina, Giorgia e Lorenzo. Ma anche due staffette maschili ed una femminile. Naturalmente tutto può ancora succedere! Bello lo spirito di squadra, il grande tifo e l'incoraggiamento anche da parte di tutti i parenti accorsi a vedere i propri figlioli.
Dopo di loro è scattata l'ora per i più piccoli di 7 anni e più giovani (ne avevamo qualcuno addirittura di 5 anni). Loro avrebbero dovuto nuotare 25 m e correre 200 m. Al primo posto troviamo 2 atleti dei Futura TTT: Sara e Matteo. Medaglia d'argento per altri due Futura: Alyssa (TTT) e Oliver (TTC). Terzo posto per Emma e Arturo. I più piccolini sono arrivati 6. Samuel e 7. Jonas che ha appena iniziato da un mese, ma ha grinta da vendere! Una volta terminata la loro gara, è stata la volta dei più grandicelli, 8-9 anni. Per loro 50 m a nuoto e 400 a corsa; una bella sfida, dato che a gareggiare c'erano anche dei ragazzi nuotatori. Nelle ragazze al secondo posto troviamo la nostra Oriana (che ormai si sta facendo molte esperienze con le gare), seguita da Giada (TTC). Nei ragazzi Futura medaglia di legno per Samuele, battuto sullo sprint finale, 5. Sébastien, 11. Aris, 12. Gabriel. Tutti contenti, specialmente di farsi riconoscere vestiti tutti uguali: sono orgogliosi di far parte di questa bellissima società. Subito dopo i ragazzi 12-15 anni hanno potuto far vedere la loro forza nel nuoto, uscendo tra i primi. Dopo 200 m a nuoto, dovevano correre 2 km. Nicole ha ottenuto una bella medaglia d'argento, seguita dalla sua compagna di squadra Cristina: complimenti. Nei ragazzi anche Nicholas è salito sul secondo gradino del podio, mentre il terzo era occupato da Sebastian. Della stessa squadra ha fatto una buona gara anche Dario, arrivato 5. Alle 15.30 sono partiti i ragazzi 16-19 anni. Per loro 400 m a nuoto e 3 km a corsa. I partecipanti erano tutti del TriUnion e per loro era più un allenamento che una gara significativa (come quella che li aspetta sabato prossimo a Sion, con la qualifica per i campionati europei). Il primo a giungere è stato Sasha, seguito da un agguerrito Andrea che ha fatto una rimonta su Alex nella tratta a corsa. Al quarto posto il nostro Fausto, reduce da un altro scontro in bici! Nelle ragazze si sono confrontate Alice (1.) ed Elisa (2.). Per terminare la giornata hanno gareggiato anche i Master e 2 team. La giornata è filata liscia e tutti erano soddisfatti dei propri risultati. Ora ci saranno pochi giorni d'attesa per sapere come andrà la prima gara del circuito svizzero YL A e Juniore.